Food delivery, che cosa ordinano gli italiani?

food delivery

Questo singolare 2020 è stato l’anno del digital food delivery. Ma che cosa ordinano gli italiani? A rispondere è il gruppo Just Eat nella quarta edizione del suo Osservatorio nazionale diffuso a metà ottobre. Comanda sempre la pizza: una stima indica che le ordinazioni abbiano raggiunto il peso di 2.500 tonnellate! A seguire ci sono poi i mitici panini con hamburger, ma c’è stato un grande incremento (addirittura +230%) delle ordinazioni di gelato.

Food delivery e stato d’animo

All’interno dell’analisi spiccano poi i «food mood». Si tratta del parametro che correla emozioni e occasioni di consumo che guidano le scelte quando si ordina cibo a domicilio. In generale, il food delivery si conferma alleato di pensieri ed emozioni positive. Il 62% si affida infatti alle consegne a domicilio in condizioni di serenità e positività, cui segue un 40% di chi lo fa quando si sente emozionato e un 33% di chi ordina quando è soddisfatto e orgoglioso. Il 56% invece ordina quando si sente stanco, mentre solo il 21% sceglie la cucina a domicilio perché triste, individuando nella propria cucina preferita uno strumento per ritrovare il buon umore.

I mangiatori seriali

Infine sono stati tracciati sei identikit di «mangiatori seriali» di cibo a domicilio. Lo studio, condotto in collaborazione con BVA Doxa, dall’Impegnata alla Smart Family, passando per l’Esordiente e il Party Planner, fino ad arrivare al Tenace e alla Coccolona. Le caratteristiche di ciascuno tracciano gusti, preferenze e passioni dei più assidui utilizzatori di food delivery, che rappresenta non solo un modo per sperimentare e avventurarsi verso nuovi sapori, ma anche relax, celebrazione di successi e condivisione.